Calcata cosa vedere: Opera Bosco e il borgo delle streghe

Calcata cosa vedere: Opera Bosco e il borgo delle streghe
  • 1 anno ago
  • 3Minutes
  • 588Words
  • 62Views

Calcata è un borgo medievale che si trova in provincia di Viterbo, nella valle del Treja a circa 45 chilometri da Roma. Questo borgo si trova su una montagna di tufo e viene considerato magico, si dice ci vivano hippy e streghe ma la verità è che è un posto molto frequentato da artisti, pittori, cantanti e attori che sono rimasti incantati dalla lentezza di questo posto, che sembra essere in un’ altra dimensione. Gli abitanti di Calcata sono circa 700, tra cui molti olandesi e americani che hanno ristrutturato vecchie abitazioni. La maggior parte delle persone si è trasferita a Calcata nuova quando, nel 1900 hanno stabilito che il tufo fosse poco sicuro, affermazione smentita poi negli anni settanta. Scopriamo cosa vedere a calcata, i posti esoterici e l’ Opera bosco.

Calcata cosa vedere: Il borgo delle streghe

Calcata cosa vedere: Opera Bosco e il borgo delle streghe roma calcata distanza  borgo di calcata  calcata viterbo cosa vedere  calcata provincia di viterbo  calcata borgo medievale  paese degli artisti lazio  calcata distanza da roma  calcata borgo delle streghe  calcata opera bosco

Calcata è chiamata anche il Borgo delle Streghe perchè nelle notti ventose sembra sia possibile sentire il canto delle streghe per le vie del paese. Si racconta che in passato nel borgo siano stati fatti riti magici e incantesimi. Proprio grazie all’ atmosfera esoterica che si respira, Calcata è spesso la meta ideale per festeggiare la festa di Halloween, infatti dal 31 ottobre fino a notte fonda si svolge il Calcata Horror Fest, uno spaventoso evento con sfilate, spettacoli e laboratori.

Per accedere al borgo c’è una sola porta che porta una piccola piazza ornata con tre troni di tufo, la Chiesa del SS. Nome di Gesù costruita nel XIV secolo e il Castello Baronale Anguillara che è considerato l’ edificio più importante. Al suo interno si tengono conferenze e mostre. Un altro edificio che merita di essere visitato è il Granarone, un grande granaio costruito nel 1632 che fu salvato grazie a una ristrutturazione da parte di un olandese.

Fino a circa gli anni settanta Calcata rimase disabitata, quando iniziò a ripopolarsi molti artisti andarono a vivere li aprendo le proprie botteghe e laboratori che sono diventati la principale attrazione del borgo. In questi tipici negozi, spesso ricavati in grotte scavate nel tufo, potrete acquistare e ammirare opere uniche al mondo.

Se siete amanti del tè dovete assolutamente visitare la Sala dei 201 tè. Si tratta di un locale pieno di teiere, aperto da una donna belga, dove potrete scegliere tra 201 tipologie di tè da gustare su una terrazza con vista panoramica sulla  Valle del Treja. Insieme al tè vi verranno serviti anche dei biscotti tipici.

Nel Parco del Treja si trovano le Cascate di Monte Gelato, un bellissimo posto da visitare in un pomeriggio, dove potrete rilassarvi in calde  piscine naturali immerse nelle natura incontaminata del bosco.

Opera Bosco

Calcata cosa vedere: Opera Bosco e il borgo delle streghe calcata viterbo  calcata roma  calcata vecchia  calcata cose da vedere  calcata vecchia cosa vedere  calcata magica

Tra le cose da vedere a Calcata c’è l’ Opera Bosco, si tratta di un percorso di arte nella natura, un museo-laboratorio, realizzato nel 1996. L’ idea fu dell’ artista Anne Demijttenaere insieme a Costantino Morosin. Nel corso del tempo al progetto hanno lavorato centinaia di artisti realizzando opere d’ arte utilizzando solo il materiale presente nel bosco. Si tratta di opere biodegradabili e di breve durata che vengono fissate in memoria attraverso tecniche digitali. Le opere mirano a non disturbare l’ ambiente ma a far si che diventino tutt’ uno con esso. E’ proprio la sensazi.one che il tutto possa scomparire da un momento all’ altro che rende queste istallazioni così poetiche e affascinati. Opera Bosco organizza laboratori i didattici con studenti di accademie di belle arti, seminari e spettacoli che si svolgono nei tre anfiteatri all’aperto.

Per prenotare una visita o per avere maggiori informazioni, visitate il sito operabosco.eu.

Leggi anche “Amatrice cosa vedere e dove mangiare tipico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *