Come Roma divenne capitale

Come Roma divenne capitale
  • 2 anni ago
  • 5Minutes
  • 978Words
  • 42Views

Roma è la capitale d’Italia, la casa del Vaticano e del Papato, e un tempo era il centro di un vasto e antico impero. Rimane un punto focale culturale e storico all’interno dell’Europa.
Ma come divenne Roma Capitale?

Roma Capitale? Ma partiamo dalle origini

La leggenda dice che Roma fu fondata da Romolo nel 713 a.E.V., ma le origini probabilmente precedono questo, ad un tempo in cui l’insediamento di un villaggio era uno dei tanti sulla pianura laziale.

Roma si sviluppò dove una rotta commerciale del sale attraversava il fiume Tevere verso la costa, vicino ai sette colli su cui si dice che la città sia costruita. Tradizionalmente si crede che i primi sovrani di Roma fossero re, probabilmente provenienti da un popolo noto come gli Etruschi, che furono cacciati intorno al 500 a.E.V.

La Repubblica e l’Impero Romano

I re furono sostituiti da una repubblica che durò per cinque secoli e vide il dominio romano espandersi attraverso il Mediterraneo circostante. Roma era il fulcro di questo impero, e i suoi governanti divennero imperatori dopo il regno di Augusto, che morì nel 14 E.V.
L’espansione continuò fino a quando Roma governò gran parte dell’Europa occidentale e meridionale, del Nord Africa e di parti del Medio Oriente. Come tale, Roma divenne il punto focale di una cultura ricca e opulenta in cui venivano spese ingenti somme per gli edifici.

La città si gonfiò fino a contenere forse un milione di persone che dipendevano dalle importazioni di grano e dagli acquedotti per l’acqua. Questo periodo assicurò che Roma sarebbe stata protagonista della storia per millenni.

L’imperatore Costantino istituì due cambiamenti che interessarono Roma nel IV secolo. In primo luogo, si convertì al cristianesimo e iniziò a costruire opere dedicate al suo nuovo dio, cambiando la forma e la funzione della città e gettando le basi per una seconda vita una volta scomparso l’impero.
In secondo luogo, costruì una nuova capitale imperiale, Costantinopoli, a est, da dove i governanti romani avrebbero sempre più gestito solo la metà orientale dell’impero. In effetti, dopo Costantino nessun imperatore fece di Roma una dimora permanente, e poiché l’impero occidentale diminuì di dimensioni, così fece la città.

Eppure nel 410, quando Alarico e i Goti saccheggiarono Roma, ciò provocò ancora scosse in tutto il mondo antico.

come roma divenne capitale

La caduta di Roma e l’ascesa del papato

Il crollo finale della potenza occidentale di Roma – l’ultimo imperatore d’occidente abdicò nel 476 – avvenne poco dopo che un vescovo di Roma, Leone I, stava sottolineando il suo ruolo di erede diretto di Pietro. Ma per un secolo Roma declinò, passando tra parti in guerra tra cui Longobardi e Bizantini (Romani d’Oriente), questi ultimi cercando di riconquistare l’occidente e continuare l’impero romano: l’attrazione della patria era forte, anche se l’impero d’oriente stava cambiando in modi diversi da così tanto tempo. La popolazione si ridusse a circa 30.000 abitanti e il senato, una reliquia della repubblica, scomparve nel 580.

Poi sorse il papato medievale e un rimodellamento del cristianesimo occidentale intorno al papa a Roma, iniziato da Gregorio Magno nel VI secolo. Man mano che i governanti cristiani emergevano da tutta Europa, così il potere del papa e l’importanza di Roma crebbero, specialmente per i pellegrinaggi.

Man mano che la ricchezza dei papi cresceva, Roma divenne il centro di un raggruppamento di proprietà, città e terre conosciute come Stato Pontificio. La ricostruzione è stata finanziata dai papi, dai cardinali e da altri ricchi funzionari della chiesa.

Declino e Rinascimento

Nel 1305, il papato fu costretto a trasferirsi ad Avignone. Questa assenza, seguita dalle divisioni religiose del Grande Scisma, fece sì che il controllo papale di Roma fosse riconquistato solo nel 1420. Assediata dalle fazioni, Roma declinò e il ritorno dei papi nel XV secolo fu seguito da un programma di ricostruzione consapevolmente grandioso, durante il quale Roma fu in prima linea nel Rinascimento. I papi miravano a creare una città che riflettesse il loro potere, oltre a trattare con i pellegrini.

Il papato non portò sempre gloria, e quando Papa Clemente VII sostenne i francesi contro l’imperatore del Sacro Romano Impero Carlo V, Roma subì un altro grande saccheggio, da cui fu nuovamente ricostruita.

La prima età moderna

Durante la fine del XVII secolo, gli eccessi dei costruttori papali iniziarono ad essere frenati, mentre l’attenzione culturale dell’Europa si spostò dall’Italia alla Francia. I pellegrini a Roma cominciarono ad essere integrati da persone nel “Grand Tour”, più interessate a vedere i resti dell’antica Roma.

Alla fine del XVIII secolo, gli eserciti di Napoleone raggiunsero Roma e saccheggiarono molte opere d’arte. La città fu formalmente rilevata da lui nel 1808 e il papa fu imprigionato; tali accordi non durarono a lungo, e il Papa fu letteralmente ri-accolto nel 1814.

at roma	1.000	n/a	
45
roma it	1.000	€ 0,42	
66
a roma	1.000	€ 0,76	
66
roma.it	1.000	€ 0,24	
52
citta di roma	1.000	€ 1,44	
55
roma italia	880	€ 1,53	
71
comune di roma.it	880	n/a	
47
sito comune di roma	880	€ 1,10	
44
il tempo roma capitale

Roma Capitale

La rivoluzione colpì Roma nel 1848 quando il papa resistette ad approvare rivoluzioni altrove e fu costretto a fuggire dai suoi cittadini litigiosi. Fu dichiarata una nuova Repubblica Romana, ma fu schiacciata dalle truppe francesi nello stesso anno. Tuttavia, la rivoluzione rimase nell’aria e il movimento per la riunificazione dell’Italia ebbe successo: un nuovo Regno d’Italia prese il controllo di gran parte dello Stato Pontificio e presto fece pressione sul papa per il controllo di Roma.
Nel 1871, dopo che le truppe francesi lasciarono la città e le forze italiane presero Roma, fu dichiarata capitale della nuova Italia.

Come sempre, seguì la costruzione, progettata per trasformare Roma in una capitale: la popolazione aumentò rapidamente, da circa 200.000 nel 1871 a 660.000 nel 1921. Roma divenne il centro di una nuova lotta di potere nel 1922, quando Benito Mussolini marciò con le sue camicie nere verso la città e prese il controllo della nazione. Firmò i Patti Lateranensi nel 1929, conferendo al Vaticano lo status di stato indipendente all’interno di Roma, ma il suo regime crollò durante la seconda guerra mondiale.

Roma sfuggì a questo grande conflitto senza troppi danni e guidò l’Italia per tutto il resto del XX secolo. Nel 1993, la città ha ricevuto il suo primo sindaco eletto direttamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *