Fontane di Roma, le più belle da non perdere: immagini, elenco, caratteristiche e curiosità

Fontane di Roma, le più belle da non perdere: immagini, elenco, caratteristiche e curiosità
  • 1 anno ago
  • 10Minutes
  • 1920Words
  • 86Views

Una guida ad alcune delle fontane di Roma, tra le più belle e affascinanti che puoi trovare.

L’acqua era un dono sacro degli dei per gli antichi romani. La parola “fontana“, affonda le sue radici nel nome del custode di pozzi e sorgenti il dio Fontus o Fons (plural Fontes, “Fonte di sorgente”) era un antico Dio romano delle fonti e delle sorgenti a cui era dedicata ogni 13 ottobre la festa delle Fontinalia in suo onore. 
Roma è l’unica città al mondo che ospita duemila fontane per dissetare il pubblico.

Un sorso di acqua fresca è sempre disponibile gratuitamente. Nei giorni di estrema folla turistica, in estate per o più, le fontane di Roma fanno notizia a causa di stranieri che si comportano male che si tuffano nudi o parzialmente vestiti nelle loro acque per rinfrescarsi.

Ma le fontane romane continuano ad aggiungere un senso di meraviglia e un tocco di magia ai giorni e alle notti della capitale.
Ecco la top 10 da scoprire.

Fontane di Roma, le più belle da non perdere

Fontana delle Naiadi 


Shutterstock.com

Ti suggeriamo di iniziare la tua esplorazione delle fontane di Roma dai dintorni della stazione Termini. A pochi passi dalla stazione si trova Piazza della Repubblica con la sua imponente Fontana delle Naiadi.

Ciò che è sicuramente più bello è la decorazione composta da quattro figure femminili raffiguranti le naiadi: la Ninfa dei Laghi, con un cigno, la Ninfa dei Fiumi, adagiata su un mostro d’acqua, la Ninfa delle Acque Sotterranee, sdraiata su un drago e la Ninfa degli Oceani a cavallo.

Alla sua inaugurazione all’inizio del 1900, la posizione sensuale delle statue e la luminosità dei corpi bagnati fu ritenuta uno spettacolo immorale per i cattolici più ferventi, e la fontana fu circondata da una recinzione per impedirne la vista, in attesa del verdetto del Consiglio Comunale che, alla fine, decise di non rimuovere le statue.

    Le sculture al centro erano originariamente piuttosto bizzarre: tre tritoni, un delfino e un grosso polpo, aggrappati l’uno all’altro apparentemente in una lotta. Infatti, la gente all’epoca li rinominò “il fritto misto di Termini” e furono rimossi (anche se è ancora possibile vederli in Piazza Vittorio).
    Lo scultore lo sostituì con il dio greco del mare Glauco che afferra un delfino, simbolo del dominio dell’uomo sulla natura.

    Tuttavia, non sfuggì al senso dell’umorismo ironico dei romani. Si diceva che la nuova statua fosse “dell’uomo con il pesce in mano, che bagna il delle donne”. Potrebbe essere necessario vederlo per capire lo scherzo.

    Fontana del Tritone 

    A una sola fermata di metro, in Piazza Barberini, c’è un’altra bella fontana che porta la firma di Gian Lorenzo Bernini. Stiamo parlando della Fontana del Tritone.

    La fontana risale al 1642 ed è diventata il ritrovo preferito di molti artisti. Realizzata interamente in marmo travertino, la scultura centrale presenta quattro delfini a bocca aperta che intrecciano le loro code sopra le quali reggono una grande conchiglia, al centro della quale si erge il dio Tritone.

    Tra le code dei delfini si possono vedere i due stemmi papali con le tre api, simbolo della famiglia Barberini, committente dei lavori.

    Fontana della Barcaccia

    Fontana della Barcaccia

    Imboccando la strada chiamata Via Sistina arriverete a Trinità dei Monti, dove, ai piedi della scalinata di Trinità dei Monti, potrete ammirare la fontana di Pietro Bernini, la Barcaccia.

    La sua costruzione era irta di difficoltà perché a quel tempo l’acquedotto aveva una pressione così bassa che non permetteva la formazione di zampilli. Lo scultore, tuttavia, risolse il problema progettando la fontana a forma di barca in una vasca leggermente sotto il livello stradale.

    Al centro della barca c’è un’altra piccola vasca da cui esce uno zampillo d’acqua, che, una volta riempito il bacino, cade all’interno della barca e trabocca nel bacino sottostante.

    La leggenda narra che l’idea della barca venne al Bernini dalla presenza di una barca naufragata nella piazza dalla piena del Tevere nel 1598.

    Fontana di Trevi

    Fontana di Trevi a Roma

    Seguendo la folla lungo la tortuosa strada di Via della Stamperia, raggiungerai la tappa obbligatoria di questo tour: la Fontana di Trevi. 
    Una delle opere d’arte più spettacolari della città, ce ne siamo innamorati e spesso sogniamo ad occhi aperti di trascorrere una notte nell’unico hotel che permette una vista della fontana dalle sue camere. La fontana a tema marino si trova in una grande piscina rettangolare con angoli arrotondati sotto il livello della strada.

    La tradizione vuole che lanciando una moneta all’indietro con gli occhi chiusi, nell’acqua della fontana, il ritorno in città sia assicurato.
    Tutte le monete recuperate vengono donate in beneficenza.

    Basta non fare una Anita Ekberg e guadare nelle acque – è più probabile che finirai con una multa pesante che con un Oscar. 

    Consiglio per gli innamorati: la Fontanella degli Innamorati si trova a destra della Fontana di Trevi, una fontana piccola ma con un’antica tradizione. Nonostante sia molto semplice, il suo simbolismo romantico si riferisce all’eterna fedeltà delle coppie che bevono l’acqua insieme.

    Fontana del Pantheon 

    Prendi un cono rigenerante di gelato e continua lungo le strade di ciottoli fino al Pantheon. Al centro della piazza si trova una fontana rinascimentale progettata intorno al 1575 da Giacomo Della Porta e realizzata dallo scultore Leonardo Sormani.

    Oggi, solo il bacino rimane della fontana originale. Le maschere sono state sostituite con copie e le grate che un tempo proteggevano la fontana sono state rimosse.

    La modifica più evidente alla fontana in Piazza della Rotonda è la sostituzione della vasca superiore con un obelisco sorretto da una finta rupe.

    Questo è uno dei tredici obelischi antichi di Roma, noto come l’Obelisco Macuteo, realizzato al tempo del famoso faraone Ramses II (r. 1279-1213 aC) e trasportato a Roma dal notoriamente crudele imperatore Domiziano.

    Fontana dei Quattro Fiumi

    fontane di roma	720	€ 0,15	
62
fontane di roma immagini	110	n/a	
55
fontane di roma respighi	50	n/a	
46
fontane di roma elenco	40	n/a	
56
fontane di roma foto
fontane	1.900	€ 0,61	
56
fontanelle di roma	1.600	€ 0,02	
42
le fontane	1.600	€ 0,97	
50
fontanelle roma	480	€ 0,51	
43
fontane roma	260	n/a	
60
le fontane di roma	210	€ 0,02	
61
fontana roma	140	n/a	
60
roma fontana	140	n/a	
61
fontane romane antiche	110	n/a	
52
fontane di roma immagini

    Un’altra fontana da non perdere, e a pochi passi dal Pantheon oltre i palazzi governativi del Senato italiano, è la famosissima fontana di Piazza Navona del Bernini: la Fontana dei Quattro Fiumi.

    La fontana sostiene una copia di un obelisco egizio, proveniente dal Circo di Massenzio, che poggia su una base cava. Quattro figure gigantesche personificano i grandi fiumi di quattro continenti: il Nilo, il Gange, il Danubio e il Rio de la Plata.

    Il Danubio indica uno dei due stemmi Pamphili sul monumento come a rappresentare l’autorità religiosa del Papa sul mondo, il Nilo copre il suo volto, un riferimento alle sue fonti che erano sconosciute all’epoca, il Rio de la Plata tiene un sacco traboccante di monete, che simboleggia il colore argenteo delle acque, e il Gange tiene un lungo remo che suggerisce la navigabilità del fiume.

    Sette animali sono raffigurati sulla fontana: una colomba, un cavallo, un coccodrillo vicino al Rio de la Plata, un leone, un drago che si avvolge attorno al remo tenuto dal Gange, due serpenti e un delfino. Ci sono anche prove che la fontana era stata dipinta d’oro in alcuni punti, proprio così dal suo brillante creatore, per darle un tocco di colore e lucentezza.

    Le Fontane Gemelle (Piazza Farnese) 

    Continuando il tuo viaggio attraverso Roma guidato dalla ricerca delle sue migliori fontane, passeggia dritto attraverso Campo di Fiori fino a Piazza Farnese.
    Ci sono un paio di fontane gemelle in Piazza Farnese. Si tratta infatti di due vasche da bagno in granito egiziano che furono portate dalle Terme di Caracalla e collocate di fronte all’allora appena eretto Palazzo Venezia da Papa Paolo II nel 1466.

    Più tardi Papa Paolo III della famiglia Farnese li fece trasportare nella piazza antistante il suo palazzo nel 1580. A quel tempo, avevano una funzione puramente ornamentale in quanto risiedevano in una parte della città inaccessibile agli acquedotti.

    Tuttavia, nel 1626 Girolamo Rainaldi le adattò in fontane alimentate dall’acqua dell’Acqua Paola.

    L’artista ha sollevato le due vasche (decorate con rilievi di leoni), dotandole di due beccucci interni e collocando elegantemente al centro gigli Farnese (originariamente in travertino, poi ricostruito in marmo durante un restauro effettuato nel 1938), da cui sgorga acqua che sale e scende.

    Suggerimento per i buongustai: fermati per una “pizza ripiena” – focaccia semplice ripiena di prosciutto fresco e mozzarella – a Il Forno.
    Mangiatelo sotto il sole, appoggiati al bordo di una delle fontane della piazza, ammirando il Palazzo Farnese.

    Fontana di Santa Maria in Trastevere

    Per raggiungere la prossima fontana della nostra lista, è necessario attraversare il ponte sul Tevere nel quartiere di Trastevere. 
    Oltrepassate i negozi di abbigliamento e le panetterie verso la piazza centrale e fermatevi di fronte a una delle chiese più antiche d’Italia, la Basilica di Santa Maria in Trastevere.

    Spesso affollata di persone appollaiate sui suoi gradini, la fontana di Piazza S. Maria in Trastevere è considerata la più antica fontana monumentale di Roma, avendo subito restauri da Girolamo Rainaldi, Gian Lorenzo Bernini e Carlo Fontana.

    L’ultimo restauro risale al 1930. Eppure, nonostante vari interventi nel corso dei secoli, la fontana ha sostanzialmente conservato la sua architettura originale del 15 ° secolo.

    Suggerimento per i fotografi: trascorri un po’ di tempo nella piazza guardando la luce riflessa sui dettagli dorati della facciata della chiesa e cattura alcune scene tipiche della vita romana che accadono qui.

    Fontana dell’ Acqua Paola (Il Fontanone) 

    Su per la collina che si erge sopra Trastevere, troverete una fontana molto famosa. Le classiche ballate d’amore italiane sono state dedicate ad esso e i film vincitori di Oscar lo presentano. 
    È la Fontana dell’Acqua Paola, meglio conosciuta come Fontanone del Gianicolo, che si affaccia su una terrazza panoramica mozzafiato.

    Situato vicino alla splendida collina e alla splendida Piazza del Gianicolo, si erge da solo come se presiedesse Roma. Questa fontana seicentesca fu costruita nel 1612 per segnare la fine dell’acquedotto Acqua Paola, restaurata da Papa Paolo V, fu la prima grande fontana sulla riva destra del fiume Tevere.

    Ad essere onesti, la salita è di circa 20 minuti per raggiungere questo gioiello di fontana, ma una volta arrivati in cima ci ringrazierete!

    Consiglio per gli innamorati: Mentre siete sul Gianicolo, dalla romanticissima terrazza di Piazzale Garibaldi, non perdetevi il colpo di cannone che scandisce l’ora di mezzogiorno per i romani.

    Fontana delle Tartarughe

    Fontana delle Tartarughe

    Questa fontana è una delle nostre preferite per la sua disposizione gentile, la sua leggenda e la sua posizione in un quartiere romano con una storia straziante.
    Si trova in Piazza Mattei nel quartiere ebraico della città, la storia Fontana delle Tartarughe è che il duca Mattei, ha giocato d’azzardo la sua casa una notte, la notizia raggiunse il suo futuro suocero, che poi rifiutò di dare sua figlia a questo giocatore d’azzardo che aveva perso tutto.

    Il duca promise di costruire una fontana davanti alla sua casa in una sola notte, in cambio del matrimonio. Al mattino, è stato raggiunto.
    Ma il trucco del duca era che la fontana era già stata costruita anni prima e fece semplicemente in modo che fosse spostata davanti al suo palazzo.

    Ma più interessante della storia è la bellezza di questa piccola fontana, che presenta tartarughe di bronzo che saltano dalla cima della fontana, tenute in alto da giovani di bronzo. L’originale di Giacomo della Porta nel 1580 presentava delfini, ma questi furono sostituiti con piccole tartarughe da Bernini quasi 100 anni dopo.

    Questi curiosi animaletti sono stati oggetto di numerosi furti nel corso degli anni, tanto che nel 1979 sono stati rimossi e sostituiti con copie (le sculture originali sono conservate nei Musei Capitolini).

    Durante il tardo Rinascimento, questa fontana aveva più di qualità decorative – fornendo acqua per l’intero quartiere, che è dove tutte le famiglie ebraiche nel 1500 erano costrette a vivere nella zona intorno al Teatro Marcello, creando il Ghetto ebraico.

    Consiglio per i buongustai: Mentre siete in zona, non perdetevi una passeggiata nel Ghetto per assaggiare i piatti della tradizione ebraica romana. I carciofi alla giudia sono un must!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *